Bonus Ristorazione – Contributo a fondo perduto

Aggiornamento: la scadenza del contributo è stata prorogata al 15 dicembre 2020.

 

Previsto dal “Decreto Agosto” (D.L.14 agosto 2020, n.104), il Bonus Ristorazione è adesso operativo: è possibile presentare le domande di contributo fino al 15 dicembre 2020.

COSA E’

Il Bonus Ristorazione è un aiuto destinato alle imprese del settore della ristorazione, molto colpite dalle limitazioni correlate all’emergenza del Covid-19. E’ stato previsto un fondo pari a 600.000 euro, per la concessione di contributi fino ad esaurimento delle risorse.

L’aiuto consiste in un contributo riconosciuto per gli acquisti a partire dal 14 agosto 2020, di prodotti di filiere agricole e alimentari (compresi prodotti vitivinicoli, DOP e IGP); viene sostenuto l’acquisto di cibo italiano di qualità, con valorizzazione del territorio.

Sono considerati prioritari gli acquisti di prodotti DOP, IGP e quelli ad alto rischio di spreco.

BENEFICIARI

Sono beneficiari i soggetti che operano con i seguenti codici attività:

  • 56.10.11 (ristorazione con somministrazione);
  • 56.29.10 (mense);
  • 56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale);
  • 56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole);
  • 56.21.00 (catering per eventi, banqueting);
  • 55.10.00 (alberghi, limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo).

 

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO

Il contributo è teoricamente pari all’ammontare degli acquisti. Tali acquisti non devono comunque essere inferiori a euro 1.000 e il contributo non può superare euro 10.000. Ovviamente ci si riferisce agli importi esclusi dall’iva. Al termine della presentazione delle domande, i fondi disponibili saranno suddivisi proporzionalmente tra le imprese che hanno fatto richiesta, per cui non è detto che l’importo del contributo sarà pari a quello degli acquisti.

REQUISITI

La condizione per accedere al beneficio è che l’ammontare del fatturato medio dei mesi da marzo a giugno 2020 deve essere inferiore ai tre quarti dell’ammontare del fatturato medio degli stessi mesi del 2019. Inoltre devono essere stati acquistati prodotti agricoli/alimentari di almeno tre differenti tipologie (ad esempio latte, vino e pasta) e il prodotto principale comunque non deve superare il 50% degli acquisti.

I prodotti agroalimentari devono essere acquistati direttamente dai produttori oppure ottenuti da filiera nazionale integrale, dalla materia prima al prodotto finito.

 

EROGAZIONE

Il pagamento avviene con un anticipo del 90% al momento dell’accettazione della domanda, dietro presentazione delle fatture di acquisto (non importa che siano quietanziate, quindi il pagamento potrebbe anche non essere ancora avvenuto).

 

SEMPRE CON CHI LAVORA

Siamo a disposizione per chiarimenti o per darvi supporto nell’inoltro delle pratiche. Per accedere al portale per la presentazione delle domande è necessario essere dotati di SPID. Noi siamo abilitati al rilascio dello SPID, dietro riconoscimento dell’identità.

L’elenco dei prodotti agevolati è veramente ampio, con buona possibilità di ottenere il contributo.

 

Post correlati

Lascia il tuo commento Required fields are marked *

Da oltre 50 anni lo Studio Sollena si occupa prevalentemente di consulenza societaria, tributaria, del lavoro, legale ed elaborazione dati contabili. Per usufruire della nostra consulenza e dei nostri servizi contattaci tramite email, chat o social network. Avrai modo di verificare la competenza ed il rispetto della clientela che da decenni ci contraddistinguono.